Logo AIA FIGC Roma 1

Aperto dal Presidente Bonardo che si è congratulato con i neo laureati Francesco Pavese ed Alessandro Scivales, si è svolto lunedì 27 ottobre il secondo meeting della stagione dedicato agli arbitri ed osservatori arbitrali che operano nel calcio a 5: in tale occasione, per la prima volta, non si è parlato del regolamento di futsal, ma di quello associativo.

Il Vice Presidente e responsabile dell’area tecnica di calcio a 5, Pietro Taranto, relatore della serata, ha introdotto l’argomento specificando l’articolazione del Regolamento Associativo (su 54 articoli) che comprende anche le Norme di Funzionamento degli Organi Tecnici (su 60 art.), le Norme di Disciplina (su 16 art.), il Regolamento Amministrativo dei Comitati Regionali (su 24 art.) e delle Sezioni (su 23 art.) e quello elettivo dell’Assemblea Generale (su 9 art.) e dell’Assemblea Sezionale (su 10 art.).

La materia, essendo vasta e diversificata, non poteva essere certamente affrontata tutta in una serata e così Pietro Taranto ha parlato esclusivamente degli aspetti più importanti del Regolamento Associativo e delleNorme di Funzionamento degli Organi Tecnici, coinvolgendo, con una diversificata serie di domande e risposte, tutti gli associati presenti in sala.

Ne è venuta fuori una piacevole riunione in cui ogni collega ha potuto verificare quanto sapeva sull’argomento e al tempo stesso apprendere quanto gli era sconosciuto togliendosi numerosi dubbi che man mano venivano chiariti. Un’ora di riunione che è volata via velocemente con l’obiettivo, racchiuso tutto nelle parole di introduzione alla stessa: “Un arbitro non può non conoscere il Regolamento Associativo”.