Logo AIA FIGC Roma 1

La Riunione Tecnica Obbligatoria di venerdì 20 Aprile è stata tenuta dai nostri associati A.B Gianfranco CICUTI, componente del Settore Tecnico AIA Modulo Mentor/Talent Program UEFA Convention, e l’ A.F.Q Antonino LA MALFA, Osservatore Arbitrale a disposizione della CAN/D.
La riunione si è basata sulla figura e i comportamenti degli Osservatori. Gianfranco Cicuti, dopo un ringraziamento al nostro Presidente, si è soffermato sulla prestazione arbitrale, in particolare:
1. Aspetto tecnico: l’Osservatore valuta al meglio l’arbitro; osserva le corrette rilevazioni che inducono l’arbitro ad intervenire o meno, l’andamento dell’arbitro e l’esecuzione dei calci di punizione e rigore.

2. Prevenzione e disciplina: l’Osservatore guarda il mancato adeguamento degli interventi, la coerenza, il coraggio e la reattività dell’arbitro.

3. Aspetto atletico-tattico: l’Osservatore esamina la continuità e il rendimento dell’arbitro, la capacità atletica e la giusta distribuzione delle energie.

4. Aspetto comportamentale: l’Osservatore scruta le caratteristiche dell’arbitro quali l’autorevolezza, la personalità e il temperamento.

La parola è poi passata ad Antonino La Malfa, il quale ha analizzato specialmente quest’ultimo punto. Inoltre ha spiegato che un arbitro per essere autorevole deve:
a) Avere carisma;
b) Avere signorilità;
c) Avere rapporti con i calciatori esperti;
d) Trasmettere sicurezza e fermezza;
e) Dare e ottenere rispetto.

Non meno importanti sono le valutazioni degli Assistenti, nei quali gli Osservatori devono considerare 4 aspetti:
I. Fuorigioco;
II. Collaborazione con l’arbitro;
III. Concentrazione;
IV. Condizione atletica come la rapidità nei movimenti, l’intuizione tattica e il posizionamento.

Sara Mainella