Logo AIA FIGC Roma 1

Raduno precampionato anche per la CAN B. E’ in corso a Sportilia il tradizionale appuntamento, che vede presenti anche in questa occasione due associati di Roma 1, Francesco Fourneau e Valerio Marini .

Il raduno è iniziato durante la quarta giornata del raduno della CAN A, dove gli arbitri delle due commissioni hanno partecipato a dei lavori congiunti e hanno incontrato anche il presidente dell’Associazione Italiana Arbitri, Marcello Nicchi. Il Presidente Nicchi, sul palco della Sala Conferenze “Stefano Farina” insieme ai Responsabili della CAN A, Nicola Rizzoli e della CAN B, Emidio Morganti, si è rivolto ad arbitri e assistenti analizzando l’attuale momento storico. “Siamo in un periodo di grandi innovazioni, sia nell’ambito della tecnologia sia per l’istituzione di un nuovo gruppo di arbitri “, ha detto, “Questa Stagione vedrà infatti l’introduzione della figura dell’arbitro specialista VAR. Ancora una volta l’AIA è all’avanguardia e, in qualità di apripista, sarà presa ad esempio a livello internazionale. Con lo specialista VAR abbiamo voluto non disperdere importanti capacità, esperienze ed energie. E’ iniziato un processo nuovo, anche in merito al progetto della sala VAR a Coverciano, che ci porterà sicuramente in alto. E’ necessario che tutte le innovazioni regolamentari vengano applicate in maniera uniforme. Ora bisogna concentrarsi per una Stagione Sportiva verso la quale c’è grande attesa. Come AIA non siamo preoccupati dal punto di vista tecnico e neanche da quello associativo. Dobbiamo partire forte, nella stessa maniera in cui abbiamo finito la scorsa Stagione”.

Terminato il raduno della CAN A, quello della CAN B è entrato nel vivo, con lavori sia sul campo che in aula. Particolare attenzione è stata posta al disciplinare, argomento illustrato dai relatori del gruppo di lavoro che lo aveva approfondito nei giorni scorsi, tramite match analysis dei video forniti dalla Commissione. I filmati proposti per la video analisi riguardavano numerose gare di Serie B, dove si risaltava spesso la decisione corretta dell’arbitro. A riguardo questa è stata la chiosa di Morganti, rivolgendosi ad arbitri e assistenti in aula: “Guardate come i calciatori accettano l’arbitro, proprio perché il suo operato e dei suoi collaboratori è stato corretto. Rispettare il processo valutativo ci porta alla decisione giusta, rendendoci quindi credibili”.

Terminato il raduno per gli arbitri della CAN B ci saranno già i primi impegni con il secondo turno di Coppa Italia, in programma il 10 e 11 agosto.

Antonio Ranalli