campo

Lunedì 4 marzo prima riunione congiunta tra Arbitri e Società Calcistica

Nella serata di lunedì 4 marzo, presso la Sezione A.I.A. di Roma 1 “Generoso Dattilo”, si è tenuta la prima storica riunione congiunta tra Arbitri della nostra sezione e una Società Calcistica (la prima ma non sarà l’ultima). Ad essere coinvolta è stata la Società Accademia Calcio Roma con il suo Allenatore Simone Santoloci, protagonista di un encomiabile gesto a favore del giovane arbitro donna Maria Regina Veres alla fine di una gara che ha visto la direttrice di gara aiutata e confortata proprio dall’allenatore dell’Accademia Calcio Roma. Non solo Santoloci ha capito la delicatezza del momento, confortando e abbracciando Maria, ma ha anche richiamato gli spettatori, invitandoli a scusarsi e ad applaudire in seguito la giovane arbitro.

E su questo il Presidente Daniele Doveri ed il Consiglio Direttivo della Sezione, con l’appoggio del Comitato Regionale Lazio, hanno voluto puntare: mettere in risalto un gesto positivo che può solamente fare bene al mondo del calcio. “Sono un giovane ragazzo di 30 anni che ha molto da imparare dal punto di vista calcistico” ha detto mister Santoloci davanti ai suoi ragazzi ed agli associati della Sezione, “ma prima di tutto sento di essere un educatore per i miei giocatori. Il rispetto per l’altro, per l’avversario e per l’arbitro parte da noi componenti della Società e dai genitori. Solo con il nostro esempio questi ragazzi potranno crescere e maturare in modo educato e rispettoso”. Parole riprese dal vicepresidente della Sezione, Mirko Ventrone, il quale ha portato i saluti del presidente Doveri (impegnato in una gara di Serie A Tim) ed ha ringraziato non solo i componenti della Società Accademia Calcio Roma ma soprattutto tutti i genitori dei calciatori che hanno accompagnato i propri figlie ed hanno aderito a questa iniziativa.

Dopo i saluti, la Società di mister Santoloci ha potuto vivere insieme ai giovani ragazzi arbitri una riunione ordinaria della Sezione, con spunti e analisi tecniche e regolamentari, aiutati dal neo VMO FIFA Valerio Marini. Partendo da video di situazioni di gioco (quali la SPA, il DOGSO o il fallo di mano), arbitri e calciatori hanno analizzato dal punto di vista regolamentare la situazione di gioco, commentandola ed arrivando poi insieme alla soluzione. Non solo, mister Santoloci ne ha approfittato per spiegare un po’ di tattica calcistica non solo ai suoi ma anche agli arbitri presenti in sala. Durante la riunione non si è sentita la differenza tra Società e Sezione, ci si è sentiti tutti parte di una grande famiglia sportiva che è quella del calcio. Dove ognuno impara dall’altro per crescere insieme, nel rispetto non solo delle regole ma soprattutto dell’altro.

Ed è da qui che il calcio di oggi deve ripartire! Certamente bisogna distinguere il ruolo dell’arbitro da quello del calciatore, ma bisogna capire che entrambe le figure sono persone e non macchine, e in quanto tali possono entrambe sbagliare. Come si può sbagliare un calcio di rigore, si può sbagliare un fischio. Ciò non toglie però nulla al rispetto che va portato alla persona che c’è dietro la divisa, arbitro o calciatore che sia.

Ed è questo che la Sezione Roma1, ma la Associazione Italiana Arbitri tutta, vuole portare avanti. Se è giusto denunciare e condannare gli episodi di violenza, è maggiormente giusto esaltare i gesti di rispetto e sportività portati avanti da tesserati e non! Ma soprattutto aprire un dialogo di confronto e di crescita umana e sportiva con tutte le Società Calcistiche che vorranno portare avanti tale progetto e che avranno voglia di mettersi in gioco! Alla fine della serata, a seguito della foto di rito con Mirko Ventrone, Valerio Marini, Maria Regina Veres e Simone Santoloci, si è vissuto un bel momento conviviale con la squadra e con gli associati della Sezione.

Redazione – AIA Roma “G. Dattilo”