Logo AIA FIGC Roma 1

Stop per due turni ai campionati di calcio e calcio a 5 nel Lazio. Lo ha stabilito il consiglio direttivo del Comitato Regionale Lazio della Lega nazionale dilettanti in seguito al nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con misure riguardanti il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus.

“La sospensione, di ogni attività sportiva di ciascun Campionato e Torneo organizzato dal C.R. Lazio”, si legge in una nota, “senza esclusione alcuna fino al 3 aprile 2020 compreso, con conseguente slittamento dei calendari di due settimane rispetto alla data inizialmente prevista, assicurando, nel contempo, il rispetto dei tempi previsti dalla Lega Nazionale Dilettanti e dal Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica, per le comunicazioni relative alle squadre interessate alla disputa delle manifestazioni a carattere nazionale (finali nazionali e gare spareggio/promozione)”.

Anche l’Associazione Italiana Arbitri, nella giornata di venerdì 6 marzo 2020, ha deciso “la sospensione, a decorrere dalla data odierna e fino al 3 aprile 2020 ovvero fino a diversa
determinazione:
a) delle riunioni degli organi direttivi centrali, dei raduni tecnici degli Organi Tecnici Nazionali e di
ogni altra attività programmata a livello nazionale, ivi compresi i corsi di qualificazione e di
aggiornamento per osservatori arbitrali e le verifiche tecniche presso i Comitati Regionali e
Provinciali;
b) di tutti i raduni e manifestazioni organizzate dai Comitati Regionali e Provinciali;
c) di tutti i raduni e manifestazioni organizzate dalle Sezioni, ivi comprese le riunioni tecniche
obbligatorie;
d) delle sedute di allenamento presso i poli sezionali.
Ogni ulteriore attività associativa e tecnica, ivi compresa quella dei poli nazionali di allenamento per
gli arbitri ed assistenti della CAN A e della CAN B, dovrà essere svolta nel pieno rispetto delle
prescrizioni contenute nel decreto richiamato in premesse e in ottemperanza alle linee guida
igienico-sanitarie dettate dalla Federazione Medico Sportiva Italiana”.

Si invitano tutti gli associati ad attenersi alle disposizioni.